seguici su facebook
Ville

Ville

Le ville erano abitazioni signorili di campagna, circondate da un giardino o da un parco ed abitate da aristocratici o ricchi possidenti terrieri, solitamente nei periodi di vacanza. La villa sorgeva in posizione dominante sull’abitato di Carugo. Era conosciuta anche come Villa Facheris, in onore di Mario Facheris, noto avvocato milanese, figlio di Maria Calvi e…Leggi Tutto

Cortili

Cortili

Carugo, all’inizio del Novecento, era ancora un borgo prevalentemente rurale, sviluppato sulla collina ed ai piedi della Torre. I fabbricati, costruiti in sassi e malta, si affacciavano sulla via principale. Attraverso un portone di legno o un cancello, si accedeva al cortile interno (la curt). Una scala esterna collegava il piano terra al piano superiore,…Leggi Tutto

Torre

Torre

E’ la struttura più caratteristica del paese. Il fortilizio fu costruito probabilmente in epoca longobarda  e fu successivamente testimone della lotta che oppose Como a Milano. Qui  si rifugiarono molti ghibellini, cacciati dal podestà di Milano, Ardigotto Marcellino, che inviò truppe, che distrussero il castello (1222-1224). Una tradizione orale parla dell’esistenza del “Cunt Carüc”, capace di…Leggi Tutto

Cascine

Cascine

Sul territorio carughese sono presenti le seguenti cascine: Cascina Sant’Ambrogio, Cascina Guardia, Cascina Incasate, Cascina Gattedo. La cascina S. Ambrogio è inserita nel territorio del Parco sovraccomunale della Brughiera Briantea. Le notizie storiche sulla cascina risalgono al diciottesimo secolo, quando risultava essere di proprietà  di Diego Martinez, discendente di una nobile famiglia di origine spagnola,…Leggi Tutto

Lavatoio

Lavatoio

Nella memoria dei settantenni di oggi c’è ancora il ricordo della nonna o della zia, che con la carriola si recavano a lavare il bucato al lavatoio comunale, situato sulla roggia, presso l’attuale incrocio delle via Baracca, Tazzoli e per Gattedo. Già dal 1833 il Comune di Carugo, sotto il dominio austriaco, aveva chiesto al…Leggi Tutto

Chiese – Cimiteri – Edicole sacre

Chiese – Cimiteri – Edicole sacre

La Chiesa Parrocchiale, dedicata a San Bartolomeo, si trova nel centro del paese ed è stata progettata dall’architetto P. Mezzanotte. La costruzione risale al 1933, a seguito dell’iter avviato dall’allora parroco Don Francesco Barbieri per l’acquisto del terreno di pertinenza, appartenente alla famiglia Terruzzi.  L’edificio è stato consacrato dal Card. Ildefonso Shuster nel 1936 alla presenza del…Leggi Tutto

Monumento ai caduti

Monumento ai caduti

Nel 1927, nel luogo dov’era situato fino al 1860 il vecchio cimitero, è stato inaugurato il monumento di marmo bianco, a forma di colonna a quattro facce, con l’elenco dei caduti del primo conflitto mondiale e, nel 1948, sono stati aggiunti i nominativi del secondo conflitto.Leggi Tutto

“La Carughese” –  Palazzo dell’ Esposizione del Mobile

“La Carughese” – Palazzo dell’ Esposizione del Mobile

Inaugurato nel 1957, l’edificio è diventato il simbolo della ripresa economica del paese nel secondo dopoguerra, grazie all’iniziativa ed all’impegno degli artigiani mobilieri di Carugo. Dal punto di vista architettonico, con i suoi cinque piani, i venti metri di altezza, la pianta esagonale, ha costituito un elemento di rottura e di modernità nel paesaggio urbanistico…Leggi Tutto

Palazzetto dello Sport

Palazzetto dello Sport

Il Palazzetto dello Sport  occupa lo spazio dove, all’inizio del 1900, si trovava la villa Calvi, conosciuta anche come villa Facheris, in onore di Mario Facheris, noto avvocato milanese, figlio di Maria Calvi e sindaco di Carugo nei primi decenni del Novecento. Con il tramonto dei Calvi-Facheris, la villa venne adibita prima a Covalescenziario e…Leggi Tutto

Edifici scolastici

Edifici scolastici

La legge Casati del 1859 ha costituito l’atto di nascita del sistema scolastico italiano, introducendo il principio dell’obbligatorietà e gratuità dell’istruzione primaria, nonché quello dell’obbligo per i Comuni dell’istituzione di scuole, divise in due gradi: inferiore (I e II) e superiore ( III e IV) All’inizio del ‘900, in alcuni locali di Via Diaz, le…Leggi Tutto